Stoccaggio

  Per lo stoccaggio alla rinfusa di tutti prodotti che, per la loro natura, granulometria o forma non sarebbero gestibili in un silo o serbatoio di tipo tradizionale (tabacco, erbe aromatiche; cubetto di frutta essiccata, farine grasse, cascami, ecc.). Sono costituiti da un’ossatura portante in profilati d’acciaio; da pareti inox di contenimento prodotto; da un nastro di fondo; da uno o più aspi motorizzati allo scarico per lo ‘sgranamento’ dello strato insilato; da un sistema a nastri mobili su rotaie per il carico uniforme in senso trasversale e longitudinale


I livelli sono gestiti da sonde ottiche. Il tappeto di fondo é realizzato con un nastro telato con copertura atossica in PVC oppure con un cingolo che può essere in materiale plastico o interamente metallico. La capacità viene adattata alle esigenze dell’utilizzatore con una larghezza massima utile di 2.800 mm. Il carico viene gestito da un quadro elettrico dedicato con un programma personalizzato. Si utilizza un riempimento per strati orizzontali per uno «stoccaggio di riposo» dopo una lavorazione (es. tabacco dopo il trattamento di concia).


Si utilizza, invece, un carico a ‘ricerca del primo vuoto’ nel caso di «stoccaggio tampone di emergenza» tra diverse lavorazioni (es. in linea tra una fabbricazione di tipo continuo e l’imballaggio); in questo secondo caso viene rispettato il concetto di ‘first in first out’.La velocità di estrazione e svuotamento é regolabile. Gli aspi di scarico sono realizzati con diverse forme per adattarsi alle caratteristiche del prodotto e garantire uno sgranamento omogeneo del colmo senza danneggiamenti meccanici del prodotto stesso.


GALLERIA

Commenti chiusi