Elevatori a Tazze

Gli elevatori a tazze della serie ‘EZC’ o ‘EXC’ sono il frutto dell’esperienza acquisita dalla CRISTIANO TORRE Engineering nel trasporto di prodotti sfusi fragili e delicati. Oltre 400 macchine di questo tipo lavorano in tutto il mondo 24 ore su 24. La costruzione ad elementi modulari permette di dare alla macchina la configurazione idonea allo spazio disponibile nonché di modificarne la forma e la funzione secondo l’evoluzione dell’impianto nel quale deve essere utilizzata. La macchina è disponibile in 14 modelli per adattarsi alle diverse esigenze di portata fino a 50 m3/h. La struttura è in lamiera d’acciaio inox oppure in acciaio al carbonio verniciato a polveri epossidiche.


Il piede della macchina, alto soltanto 400 mm. (EZC) o 600 mm. (EXC), è montato su piedini regolabili per il livellamento e contiene il sistema di avvicinamento delle tazze per il carico, che é ottenuto con un gruppo meccanico interamente lavorato a mezzo macchine utensili e, grazie alla precisione dell’esecuzione, assicura assoluta affidabilità e funzionamento silenzioso.
Le catene di trasporto da ¾” calibrate e prestirate sono guidate su tutto il percorso da uno speciale profilo in materiale atossico autolubrificante e la loro tensione é assicurata da un sistema a molla che recupera automaticamente l’allungamento.Tutti gli alberi, compresi quelli dei rinvii angolari, ruotano su cuscinetti a sfere. 


Il braccio superiore è provvisto di uno scarico fisso o di più scarichi a comando pneumatico. Lo scarico delle tazze avviene con una rotazione delle stesse di 360° che assicura un completo svuotamento di qualsiasi prodotto.
Le tazze standard sono composite e realizzate con i fianchetti stampati in ABS atossico e fondo in acciaio inox. Per esigenze specifiche sono disponibili anche tazze in esecuzione speciale: interamente inox; con fondo in rete di nylon; con fondo in lamiera inox forata o teflonata antiaderente.
Il comando è realizzato con motoriduttore calettato direttamente sull’albero per evitare manutenzione alla trasmissione.

 

GALLERIA
 

Commenti chiusi